Navigazione
La S.T.I.
La Storia
Attività
Statuto
Le riviste
Premi Silmaril
Tesi
Iscriversi
Contatti
J.R.R. Tolkien
La vita
Bibliografia
Contenuti
Articoli
Downloads
Forum
Links
News
Foto
Appuntamenti
Cerca

Catalogo

Utenti Online
Ospiti Online: 3
Nessun Membro Online

Membri Registrati: 1,654
Ultimo Membro: Lere Pippi
Ultimi Articoli
I Poemi delle Battag...
Catalogo
Categorie
Fantacarnia - Compra adesso!
Prezzo: 16,00 €
Quantità:
Categoria: Favole e leggende
Descrizione completa
Fantacarnia

Fantacarnia

di Giovanni Pielli
Editore S.T.I.
Pagg .130

Quella che Pielli presenta è una storia per disegni e segni. La storia di un viandante Zuan e dei protagonisti del "mondo piccolo". La storia di un passaggio per luoghi, a ritrovare luoghi passati. Una storia in tempi, oltre che in luoghi, affidati ad una guida classica che qui è uno Sbilf di nome Tituta. Si viaggia in un mondo, che altro non è se non il rimpasto del mondo grande, pieno di insormontabili enigmi. E’ un mondo ripensato, certamente, un mondo che a molti può parere finto, fantastico, di evasione. Ma non si può giustificare la fine di qualche cosa, negare la possibilità di tornare indietro. Non si torna mai indietro, quando si lavora con la memoria, piuttosto si ripensa, si recupera qualcosa che pareva morto, ma che è invece ricreabile, ripresentabile, qualcosa che nella storia ridiventa nuovo. Per cogliere questo antico-nuovo bisogna, come Zuan, il protagonista del racconto, riscoprire il ruolo di viandante, dormire all'aperto o sotto la tenda per evitare che i terremoti del reale facciano crollare i nostri tetti troppo pesanti. Bisogna cercare itinerari altri, altre vie, non da percorrere, ma da vivere. Bisogna sapersi accorgere del mondo altro, perché se non si può esattamente comunicare si può esattamente intendere. Si usano i cinque sensi, si impara a conoscere, a decodificare, a convivere con un sesto senso, penetrando nelle pieghe dimenticate del proprio intimo e risentire in noi "la topolina che canta" come la definisce Kafka. In fondo è una questione di sapere e di conoscere. Sapere come coscienza di sé al di fuori del tempo e dello spazio che sono occupati dalla propria vita. Conoscere, cioè essere parte attiva ed integrante dell'arco del tempo e dello spazio che ci sono stati dati. Non ci è consentito di negare o cancellare una parte vitale del nostro essere, anche se è quella più misteriosa ed indomabile. A questa parte di noi è rivolto il lavoro di Pielli, lavoro, come dicevo, che si avvale del disegno per creare il segno. E’ una parte misteriosa e capace di mistero dove presente, passato e futuro si sovrappongono e si proiettano in luoghi che ci sono familiari, ma che si estraneano in stratificazioni di spazi e di tempi. Ne risulta un sogno? Forse. Ma concludendo, come conclude Pielli: «Un gran bel sogno però, strano ma vivo e reale. Un funzionario delle ferrovie entrò nello scompartimento chiedendo il biglietto. Zuan si mise la mano in tasca, cavò dal portafoglio il biglietto e glielo porse. Cadde qualcosa a terra: era una piuma. Una semplice piuma bianca ma con uno strano brillio in punta».

Login
Nome Utente

Password



Non sei ancora un membro?
Clicca qui per registrarti.

Dimenticata la password?
Richiedine una nuova qui.
Shoutbox
Devi loggarti per scrivere un messaggio

darkelf
10/07/2014
ciao a tutti,i prequel come al solito non sono mai all'altezza dei precedenti episodi. L'unica scelta da fare era produrre un film o una trilogia sulla quarta era ,degna conclusione dell'

Finrod Felagund
10/06/2014
Hakandur è vero... vedremo nel 3 film... anche se nel libro era la seconda parte ad avermi colpito di più

MithrandirGreyPilgrim93
10/01/2014
Salve a tutti ^^

Hakandur
09/18/2014
Anche a me il secondo film ha deluso abbastanza smiley il flirt tra elfa e nano non mi ha garbato

Finrod Felagund
09/18/2014
Ciao a tutti! Che ne pensate della rappresentazione cinematografice de "Lo Hobbit" in confronto al libro? Io la trovo abbastanza riuscita... nel 1 film... il 2 invece mi ha deluso

Re Thranduil
09/10/2014
In particolare, si intuiscono questi sentimenti, nelle opere riguardanti la Terra di Mezzo, che oltre ad essere le più numerose sono anche le più profonde!

Re Thranduil
09/10/2014
...dicevo... col pensiero, il cuore e l'anima, in modo sublime e di gaudio!!!

Re Thranduil
09/10/2014
Leggendo le opere di Tolkien, con grande passione ed attenzioni a tutti i molteplici particolari contenuti tra le righe dei suoi libri, esse ti permettono di immergerti nelle storie narrate col pensie

Beatris
09/10/2014
Peccato... Non sono riuscita ad andare alla Hobbiton... Ci tenevo così tanto... Un vero peccato...

Paige91
09/08/2014
ci sono stata anche io ma l'unico buco è stato dopo pranzo dall'1 alle 4..per il resto ho avuto una giornata pienissima XD siamo state alla stessa hobbiton? XD

Archivio Shoutbox