Navigazione
La S.T.I.
La Storia
Attività
Statuto
Le riviste
Premi Silmaril
Tesi
Iscriversi
Contatti
J.R.R. Tolkien
La vita
Bibliografia
Contenuti
Articoli
Downloads
Forum
Links
News
Foto
Appuntamenti
Cerca

Catalogo

Utenti Online
Ospiti Online: 4
Nessun Membro Online

Membri Registrati: 1,687
Ultimo Membro: Loris Dordoni
Ultimi Articoli
I Poemi delle Battag...
Catalogo
Categorie
Occultismo, stregoneria e mode culturali - Compra adesso!
Prezzo: 14.46 €
Quantità:
Categoria: Tradizioni
Descrizione completa
Occultismo, stregoneria e mode culturali

Occultismo, stregoneria e mode culturali
Saggi di religioni comparate


di Mircea Eliade
Editore Sansoni
Dimensioni 13,5 x 21 cm
Pagg. 140

"A un certo momento della sua vecchiaia un autore prolifico è costretto a scoprire che dei molti libri che aveva progettato, quelli a cui teneva di più sono rimasti non scritti." Sono queste le parole che Mircea Eliade sceglie nel 1976 per introdurre Occultismo, stregoneria e mode culturali, opera che fin dal titolo si rivela multiforme e variegata. Il materiale raccolto è una selezione di conferenze e articoli scritti nei dieci anni precedenti, fra il 1965 e il 1975. Sei saggi "a carattere introduttivo", pensati per un pubblico non specialistico, in cui Eliade dà prova di una straordinaria vastità di interessi che lo renderà unico, e non solo tra gli storici delle religioni. Ai prediletti studi induistici si accompagnano commenti sulle tendenze culturali occidentali in tema di preghiera; osservazioni sull'influenza della stregoneria in Europa e sulle mitologie della morte; letture dei filosofi francesi strutturalisti e appunti sulle esperienze religiose legate al culto della luce. Il filo rosso che unisce tutto è la convinzione che l'esperienza religiosa di una realtà assoluta, trascendente, si ritrova in ogni civiltà. "Senza la percezione che c'è qualcosa di assoluto" scrive Eliade "non sarebbero possibili ne la coscienza ne l'attività mentale. L'uomo diventa un essere umano quando scopre l'esistenza di un ordine fondato da un essere sovraumano". E sono proprio gli stretti rapporti che l'autore individua tra simbolismo e coscienza che mostrano in che termini una moda culturale possa fornire elementi utili anche allo storico delle religioni per comprendere insoddisfazioni e nostalgie dell'uomo occidentale. Scoprendo così che una certa ansia intellettuale di sbarazzarsi della fede non è altro che il desiderio di trovare un posto nuovo nel cosmo.

"Il coinvolgimento nell'occulto rappresenta una delle forme più efficaci di critica e di rifiuto dei valori religiosi e culturali dell'Occidente."

Indice:
Prefazione
I. Mode culturali e storia delle religioni
II. Mondo. Città. Casa
III. Mitologie della morte: un'introduzione
IV. L'occulto e il mondo moderno
V. Alcune osservazioni sulla stregoneria in Europa
VI. Spirito, luce e seme
Nota bibliografica
ISBN: 88-383-1277-X

Login
Nome Utente

Password



Non sei ancora un membro?
Clicca qui per registrarti.

Dimenticata la password?
Richiedine una nuova qui.
Shoutbox
Devi loggarti per scrivere un messaggio

Finrod Felagund
11/23/2014
No radagast... nessuna pubblicita penso sia un problema del tuo pc

Radagast Lo Svitato
11/16/2014
il forum è pieno di spam pubblicitario, è una cosa volontaria o no?

Nicolas
11/02/2014
Ottimo stand al Lucca Comics con un sacco di belle cose dal mondo di Tolkien... complimenti!

Mithrandir2000
10/31/2014
Ciao a tutti, vorrei cogliere l'occasione per fare gli auguri di compleanno al nostro fantastico Peter Jackson. Auguri Peter!;-) Grazie per tutte le emozioni che ci hai regalato.

darkelf
10/07/2014
ciao a tutti,i prequel come al solito non sono mai all'altezza dei precedenti episodi. L'unica scelta da fare era produrre un film o una trilogia sulla quarta era ,degna conclusione dell'

Finrod Felagund
10/06/2014
Hakandur è vero... vedremo nel 3 film... anche se nel libro era la seconda parte ad avermi colpito di più

MithrandirGreyPilgrim93
10/01/2014
Salve a tutti ^^

Hakandur
09/18/2014
Anche a me il secondo film ha deluso abbastanza smiley il flirt tra elfa e nano non mi ha garbato

Finrod Felagund
09/18/2014
Ciao a tutti! Che ne pensate della rappresentazione cinematografice de "Lo Hobbit" in confronto al libro? Io la trovo abbastanza riuscita... nel 1 film... il 2 invece mi ha deluso

Re Thranduil
09/10/2014
In particolare, si intuiscono questi sentimenti, nelle opere riguardanti la Terra di Mezzo, che oltre ad essere le più numerose sono anche le più profonde!

Archivio Shoutbox