Navigazione
La S.T.I.
La Storia
Attività
Statuto
Le riviste
Premi Silmaril
Tesi
Iscriversi
Contatti
J.R.R. Tolkien
La vita
Bibliografia
Contenuti
Articoli
Downloads
Forum
Links
News
Foto
Appuntamenti
Cerca

Catalogo

Utenti Online
Ospiti Online: 2
Nessun Membro Online

Membri Registrati: 1,655
Ultimo Membro: cLeather
Ultimi Articoli
I Poemi delle Battag...
Catalogo
Categorie
Storia delle credenze e delle idee religiose, III - Compra adesso!
Prezzo: 20,00 €
Quantità:
Categoria: Tradizioni
Descrizione completa
Storia delle credenze e_3

Storia delle credenze e delle idee religiose, III
Vol.III Da Maometto all'età delle Riforme

di Mircea Eliade
Editore Sansoni
Dimensioni 13,5 x 21,5 cm
Pagg. 392

L’opera, organizzata in tre volumi, vuole essere uno studio comparato delle religioni di vari popoli e culture nell’arco della storia umana: Dall’età della pietra ai Misteri Eleusini; Da Gautama Buddha all’irrompere del Cristianesimo; Da Maometto all’età delle Riforme. Nello studio dello sviluppo storico delle religioni, l’A. non trascura di esaminare quei momenti di transizione culturale e di crisi che hanno favorito la trasformazione delle diverse dottrine religiose. Come dichiarato nella prefazione, egli desidera mettere in luce i contributi maggiori alla storia delle idee e delle credenze religiose, le crisi e i cambiamenti che sono nati da questi momenti di rottura. Dalla lettura dei documenti storici di una religione si passa a studiare il riflesso strutturale che si sprigiona nella dimensione culturale, ossia si analizza come sono nate le idee e le credenze religiose, da quali profonde crisi spirituali siano esse scaturite. L’iniziazione dei Misteri di Eleusi e dei riti orfici, ad esempio, hanno provocato la nascita di una gnosi mitologizzante e il sincretismo greco-orientale, per poi influenzare l’ermetismo medievale, il Rinascimento italiano, le tradizioni “occultistiche” del XVIII secolo, fino ad ispirare buona parte della cultura del romanticismo. I Misteri e l’Orfeo dei letterati, dei mistici e dei teologi alessandrini hanno ispirato, poi, la poesia europea moderna, da Rilke a T.S. Eliot, a Pierre Emmanuel. Eliade rende una visione globale della storia delle religioni analizzando idee e credenze religiose nella storia di tutto il mondo: inni vedici, Brahama e le Upanishad, i Paleolitici, la Mesopotamia, l’Egitto, il Sankara, il Tantrismo, Milarepa, l’Islam, Gioacchino da Fiore e Paracelso, il taoismo, i misteri ellenistici, lo sviluppo iniziale del cristianesimo, lo gnosticismo, l’alchimia, o le mitologie del Graal; gli illuministi e i romantici tedeschi, Hegel, Max Muller, Freud e Jung, ma anche Gregorio Palamas, i primi qabbalisti, Avicenna o Essai. Dice Eliade: «Del pari, condivido la convinzione di quanti pensano che lo studio di Dante e di Shakespeare, di Dostoevskij o di Proust, tragga lumi dalla conoscenza di Kalidasa, dei Ro o della Scimmia pellegrina. Non si tratta di uno pseudo-enciclopedismo, vano e nel complesso sterile, ma semplicemente delle necessità di non perdere di vista l’unità profonda e indivisibile della storia dello Spirito umano». Punto focale e finale della ricerca è lo studio della crisi spirituale moderna: la fase ultima della desacralizzazione, un processo che presenta un notevole interesse per lo storico delle religioni ed è mascheratura del sacro, più precisamente la sua identificazione con il “profano”. Vengono discusse e analizzate le crisi provocate dai maestri del riduzionismo (Marx, Nietzsche, Freud), e i contributi recati dall’antropologia, dalla storia delle religioni, dalla fenomenologia e dalle nuove ermeneutiche. Accompagna la ricerca una vasta bibliografia.

Edizione originale: 1983
Prima edizione italiana: 1990
Seconda edizione Sansoni: Settembre 2001
Traduzione di Maria Anna Massimello e Giulio Schiavoni

Login
Nome Utente

Password



Non sei ancora un membro?
Clicca qui per registrarti.

Dimenticata la password?
Richiedine una nuova qui.
Shoutbox
Devi loggarti per scrivere un messaggio

darkelf
10/07/2014
ciao a tutti,i prequel come al solito non sono mai all'altezza dei precedenti episodi. L'unica scelta da fare era produrre un film o una trilogia sulla quarta era ,degna conclusione dell'

Finrod Felagund
10/06/2014
Hakandur è vero... vedremo nel 3 film... anche se nel libro era la seconda parte ad avermi colpito di più

MithrandirGreyPilgrim93
10/01/2014
Salve a tutti ^^

Hakandur
09/18/2014
Anche a me il secondo film ha deluso abbastanza smiley il flirt tra elfa e nano non mi ha garbato

Finrod Felagund
09/18/2014
Ciao a tutti! Che ne pensate della rappresentazione cinematografice de "Lo Hobbit" in confronto al libro? Io la trovo abbastanza riuscita... nel 1 film... il 2 invece mi ha deluso

Re Thranduil
09/10/2014
In particolare, si intuiscono questi sentimenti, nelle opere riguardanti la Terra di Mezzo, che oltre ad essere le più numerose sono anche le più profonde!

Re Thranduil
09/10/2014
...dicevo... col pensiero, il cuore e l'anima, in modo sublime e di gaudio!!!

Re Thranduil
09/10/2014
Leggendo le opere di Tolkien, con grande passione ed attenzioni a tutti i molteplici particolari contenuti tra le righe dei suoi libri, esse ti permettono di immergerti nelle storie narrate col pensie

Beatris
09/10/2014
Peccato... Non sono riuscita ad andare alla Hobbiton... Ci tenevo così tanto... Un vero peccato...

Paige91
09/08/2014
ci sono stata anche io ma l'unico buco è stato dopo pranzo dall'1 alle 4..per il resto ho avuto una giornata pienissima XD siamo state alla stessa hobbiton? XD

Archivio Shoutbox